Il Gobbo

Abbazia di Acqua Alta

Quello che resta dell'abazia di Acqualta è uno dei manufatti più antichi del territorio montegabbionese. Si ipotizza, senza nessun riscontro archivistico, che sia stata eretta nel X secolo durante un periodo di rinascita cattolica. Di seguito alcune informazioni recuperate dalla bibliografia storica dei nostri territori.

Nel 1139 Bernardino rinunciò all'abate di San Pietro di Acqualta la riconsegna di tutte le cose ingiustamente sottratte. Scrive così l'Ughelli:
Si vedono fino ad'hoggi le vestigia di questa Badia [San Pietro di Acqualta] alle radici di Castel di Fiore .. Credesi da alcuni, che la Chiesa di San Lorenzo di Monte Giove fusse edificata da questo Conte Bernardino. [1]"

È il 13 luglio 1350 . Un piccolo esercito di cavalieri e fanti, uno per ogni famiglia, armato per distruggere, muove dalla città di Orvieto verso nord-ovest: questo è il volere dei saggi che la governano:
" ...Che il castello di Brandetto, nel quale lo stesso Bulgaro si ritirò per compiere i suoi malefici, sia distrutto, così che non possa più, né lui un altro esservi accolto. Lo stesso sistema sia tenuto per il castello di Acqualta, che, senza che il comune di Orvieto lo sapesse, cinto di mura e costruito di nuovo, si chiama Casteldifiore: si debba trattare come il Brandeto." [2]

1380 "Venne in questo tempo in Orvieto Messer Giovannuzzo degl'Ubaldini con 200 cavalli et 200 fanti et noi lo sostenemmo qualche mese di denari e vettovaglie et si fece in questi tempi molti danni alli Mufatti nelli luoghi loro et si prese Castel di Fiore con la Badia di Acqua Alta." [3]. Il testo Il castello di Monte Giove de Montanea del 1925 di Simoni nomina la Badia molte volte e porta l'esistenza di tale luogo di culto alla seconda metà del 1200 sotto Bernardino proprietario del castello di Montegiove. Infatti Bernardino nel 1292 possedeva terre presso l'abbazia di Acqua Alta [4] e fu sempre da la famiglia dei conti di Marsciano privilegiata come Abbazia di famiglia. Risulta però dal testo di Ferdinando Ughelli che Bernardo detto Bernardino di Bulgarelli nel 1139 restituì all'Abbazia dell'Acqua Alta alcuni beni di cui si era indebitamente impossessato.

Dal 596, Orvieto, fu occupata dai Longobardi di Agilulfo [5] e, in seguito, nel contesto della rinascita religiosa voluta da Ottone III [6], vennero promosse le costruzioni di abbazie e monasteri su tutto il territorio circostante. Periodo in cui probabilmente sorse l'Abbazia di San Pietro d'Acqua Alta (Aqualta) in Castel di Fiori.
Oggi, i pochi ruderi rimasti, sono interamente ricoperti dalla vegetazione.

Foto anni '80 deli ruderi dell'abazia di Acqualta Foto anni '80 deli ruderi dell'abazia di Acqualta
Due foto anni '80 deli ruderi dell'abazia di Acqualta nei pressi di Castel di Fiori

Mappa satellitare dove è indicata la posizione dell'abazia di Acqua Alta
Immagine satellitare del territorio di Castel di Fiori.

Foto recente dell'Abazia di Acqua Alta
I ruderi dell'Abazia di Acqua Alta completamenti ricoperti dalla vegetazione (foto del 2009).

Dettaglio del cartello informativo nei pressi dell'Abazia di Acqua Alta - Progetto Acqua di Casa Nostra
Dettaglio del cartellone informativo applicato vicino ai ruderi dell'abazia durante il progetto "Acqua di Casa Nostra" per le scuole elementari.

Riferimenti bibliografici

1. Albero et istoria della famiglia de conti di Marsciano , Ferdinando Ughelli, 1667, pag. 22.
2. Decreto del Comune di Orvieto emesso contro il Conte Bulgaro, Archivio del Magistrato di Orvieto, libro dell'anno 1350 Car. CXXI. Traduzione a cura di Maria Grazia Ottaviani tratta da Ferdinando Ughelli Albero et Istoria della famiglia de' Conti di Marsciano , 1667.
3. C. Simoni, Il castello di Monte Giove de Montanea , Roma 1925.
4."Formazione e struttura dei ceti dominanti nel Medioevo: marchesi, conti e visconti nel Regno italico, secc. IX-XII" dell'Istituto Storico Italiano per il Medioevo 1988, pag. 246.
5. Agilulfo (... - Milano, 616) fu re dei Longobardi e re d'Italia dal 591 al 616.
6. Ottone III di Sassonia (Kessel, 980 - Faleria, 23 gennaio 1002) fu re d'Italia e di Germania dal 983 al 1002 e imperatore del Sacro romano impero dal 996 al 1002.

Torna a "Chiese Montegabbionesi" Indietro
Progettazione e sviluppo Daniele Piselli, +39 328 8295217. Se vuoi utilizzare i contenuti di questo sito ti chiedo di citare la fonte. BY